lunedì 25 settembre 2017

Quando non c'entri un tubo (Conferenza al Palermo Comic Convention 2017)


[Quella che segue è la versione adattata in forma di articolo della conferenza da me tenuta al Palermo Comic Convention 2017. Manca ovviamente il dialogo con il pubblico e l'articolo presenta qualche interpolazione per rendere più fruibile la lettura.]

Quando non c'entri un tubo!

Sono le prime parole mi sono venute in mente quando mi è stato chiesto di tenere una breve conferenza al Palermo Comic Convention. Dovevo fornire un titolo in tempi molto stretti, e “quando non c'entri un tubo” mi si è formato sulle labbra in modo del tutto istintivo. Riflettendo, mi sono reso conto che il meccanismo era lo stesso di molti giochi psicologici. Quando ti dicono di dire un numero, o il primo colore che ti passa per la testa, e spari: “Rosso”. Oppure il titolo di un film, e su due piedi dici: “La grande abbuffata”. Soltanto dopo ti rendi conto che le parole, i nomi, i titoli che hai tirato fuori non sono casuali, ma parlano di te. In qualche modo ti descrivono (nella fattispecie, se hai l'abitudine di indossare bretelle rosse e non riesci a guardarti le dita dei piedi stando dritto).

Quando non c'entri un tubo”, dunque, è il titolo che ho scelto per questa conversazione. Un titolo che parla per prima cosa della mia insicurezza, nonostante mi trovi qui in quanto youtuber e sia abituato a mettere in mostra il mio brutto muso su Internet, prendendomi anche in giro e a volte apparendo poco vestito, scherzando sulla mia fisicità esuberante. Nonostante tutto questo, il titolo dice molto sulla mia fondamentale timidezza, sui miei dubbi, e su quanto mi senta intimorito quando appaio in eventi dal vivo. Un titolo che ci riporta però anche ad argomenti presenti ormai a ogni convention del fumetto, e ci fa pensare al nostro ruolo nel contesto che ci siamo scelti. Un ruolo che va cercato, scoperto.

Quando non c'entri un tubo, che cosa fai?

Provo a rispondere. Cerchi di adattarti. O inventarti.

Per chi non mi conosce (non c'entro un tubo, quindi non lo do per scontato) io mi chiamo Filippo. Su Youtube sono: Altroquando, e mi occupo prevalentemente di fumetti e di altre cose che riguardano il mondo nerd e dell'immaginario in generale. Ma volevo iniziare questa conversazione parlando proprio di Youtube e del suo ruolo all'interno di eventi come questa manifestazione. E' una polemica ormai vecchia, che ha fatto la muffa. Che cosa c'entrano Youtube e gli youtubers in una fiera del fumetto? Per molta gente non dovrebbero esserci. Sono il sintomo di una deriva culturale. O nella migliore delle ipotesi, sono semplicemente fuori tema. Insomma... non c'entrano un tubo.

E' diventato un luogo comune, anche abbastanza noioso. E io mi sono chiesto: perché si è arrivati a ragionare così? Perché in occasione di una fiera come questa, giunta quest'anno alla terza edizione, e che presenta nel suo programma parecchi ospiti di rilievo perfettamente in tema con l'ambito fumettistico, sui social si continua puntualmente a contestare la presenza degli youtubers. Youtubers che a confronto degli ospiti inerenti al fumetto, sono oltretutto in netta minoranza. Al di là della viscerale voglia di flame, perché?

Quando le fiere del fumetto si sono allargate al tema dei videogiochi e ad altri argomenti ludici, non mi sembra che la cosa abbia creato problemi a qualcuno. L'immaginario popolare si andava sviluppando, intrecciando diversi media tra loro, e le fiere aggiungevano aree tematiche fino a poco prima assenti. Tutto bene, tutto normale. Allora perché Youtube in una fiera del fumetto (ma ormai potremmo definire questi eventi delle convention dell'intrattenimento variegato) fa tanto scandalo? Quasi fosse una macchia di ragù sul vestito buono per le grandi occasioni.

Innanzitutto ricordiamo una cosa, senza voler minimizzare niente e nessuno. Le fiere non sono un evento di beneficienza. Sono manifestazioni di tipo commerciale, pensate per promuovere merci di vario tipo e generare guadagni. Sto parlando, adesso, delle fiere nell'accezione più ampia. Come la fiera del vino, la sagra de cous cous, la fiera della porchetta. Bene. Spesso in queste fiere, del vino e del cous cous, si esibiscono comici, troviamo cantanti in concerto, personaggi che poco o nulla hanno a che fare con i cibi che si stanno promuovendo. Questo perché le fiere sono eventi commerciali che si presentano con una connotazione di festa. E quando si fa festa, anche quando il tema principale - come in questo caso - sono i fumetti, c'è musica, c'è spettacolo. E Youtube, tra le sue varie forme, si può ormai considerare come un settore dello show business. Ignorarlo non avrebbe senso. E' uno dei media contemporanei che attirano una grossa fetta di pubblico. Quindi è più che naturale che le fiere abbiano fatto spazio a Youtube, e polemizzare su questo è inutile e pretestuoso. Se si vogliono scovare cose da criticare, queste vanno cercate altrove. Fare di Youtube il capro espiatorio per lamentare la diserzione di una parte di pubblico da eventi volti all'approfondimento dei temi presentati come principali, è un'ingenuità. E una semplificazione eccessiva.

Ma che cos'è Youtube? E' bizzaro chiederlo nell'area di una fiera, in presenza di persone su Youtube ci lavorano, e tante altre che lo fruiscono con regolarità. Però vale la pena di porsi questa domanda. Che cos'è Youtube per la massa? Secondo me, presso il pubblico generalista si è diffusa una percezione un po' distorta e parziale di questo media, tanto chiacchierato, tanto trendy, ma da molti conosciuto solo a un livello superficiale. Non troppo tempo fa, mi sono sentito dire da un amico che non mi considerava uno youtuber, ma piuttosto un recensore a cui si era rotta la tastiera del computer, e quindi adesso faceva video. Un modo – che voleva essere gentile - per dirmi... che non c'entravo un tubo. E che per come la vedeva lui, Youtube è una fogna dalla quale scappare con il naso turato.

Oggi io mi chiedo (e vi chiedo): chi è (o che cos'è) uno youtuber? In teoria, essendo Youtube uno strumento dovrebbe valere lo stesso discorso di chi si mette al volante di una macchina. Se uno guida l'automobile è un automobilista. Poi può guidare più o meno bene, rispettare o meno il codice della strada, fermati davanti alle strisce pedonali o mettere sotto i pedoni. Ma questo è un altro discorso. Per quanto riguarda lo youtuber, invece, ho trovato sui social questa definizione:

Youtuber: un tipo imbarazzante, che scimmiotta altri tipi imbarazzanti per fomentare un pubblico imbarazzante.

Insomma, nell'immaginario dominante lo youtuber è Vickipif, il personaggio della soap opera “Un posto al sole”. Personaggio estremizzato (volendo neanche tanto) che sintetizza lo stereotipo in voga: un ragazzetto arrogante, che non ha molto da dire, ma che urla il suo niente con piglio da arruffapopolo. In altre parole: youtuber per molti è una parolaccia. Un insulto. Un sinonimo di decadenza intellettuale.

Poco tempo fa, Shy (Alessandro Masala) di Breaking Italy diceva questo in un suo video: «In Italia per essere preso sul serio devi prima o apparire in televisione o pubblicare con un editore importante. Altrimenti non vali niente, il tuo talento non conta. E' un fatto culturale tutto italiano. In America gli yuotubers sono considerati alla stregua di altri lavoratori indipendenti. In Italia se fai lo youtuber, sei automaticamente un coglione. Questo perché si parte dal presupposto che chiunque può mettersi a parlare davanti a una videocamera. Nessuno mi batte le mani se mi vede al discount mentre metto un pacco di biscotti nel carrello della spesa.»

Dunque lo stereotipo largamente condiviso è questo. L'idea che a registrare video è bravo chiunque, chi perde il suo tempo su Youtube è un cretino, e lo youtuber è un personaggio ignorante e volgare. Qui voglio citare un'altra youtuber. Irene Facheris, del canale CMDRP (che poi sarebbe “cima di rapa” senza le vocali), e che si occupa di pari opportunità, femminismo, lotta all'omofobia. Irene Facheris spiega che il famoso “feedback” concetto che sentiamo nominare tanto spesso, quello con cui lasciamo recensioni sulle pagine di attività che vogliamo elogiare o criticare, e gli stessi commenti sui canali Youtube, non parla di quello che stiamo valutando. Il feedback, parla di noi che lo diamo. Comunica il nostro punto di vista personale, l'identikit delle nostre preferenze, e svela i filtri attraverso i quali percepiamo le cose.

Perché sto parlando di feedback e di questa interpretazione del feedback? Perché mi chiedo: chi liquida Youtube come un'enorme pattumiera, non mi sta comunicando che magari non conosce realmente lo strumento Youtube, e parla senza essersi prima documentato come si deve?

Se per molti lo stereotipo di youtuber è un ragazzino imbarazzante che si rivolge a un pubblico imbarazzante, a me viene spontaneo chiedermi: la stessa Irene Facheris, con la sua divulgazione a sostegno delle diversità, le sue campagne informative, il suo impegno sociale, dovrebbe rientrare in questa definizione? Ci rientra Alessandro Masala di Breaking Italy, che sostanzialmente fa dei veri e propri editoriali giornalistici? Ci rientra Federico Frusciante, una delle voci più autorevoli che conosca sul cinema, che peraltro analizza in con un efficace mix di tecnica e umanità, con una forte impronta politica? Ci rientrano Giorgio Taverniti e le sue puntualissime informazioni sul funzionamento di Youtube e di Internet in generale? Lorenzo di Sinema Exit e i ragazzi di Shiva Produzioni, che si occupano (ognuno a suo modo) di cinema underground, di storia del cinema e di cinema estremo, con grande cura culturale e senso dello spettacolo? Ci rientra Lara di Arsnoctis che parla di libri? O Barbascura X, che fa comicità a un livello, secondo me, molto più alto di tanta televisione? E che dire dell'iniziativa Edutube, oggi rappresentata qui da Alfredo - Freddy Finkwell e Tommaso di Geopolitically Scorrect, volta a fare network tra i canali che si dedicano alla divulgazione di scienze e cultura in modo trasversale?

Se il feedback, dunque, ci parla di chi lo fornisce, e qualcuno affernma che Youtube è esclusivamente un circo dei mostri... Beh, forse non si è preso il tempo di conoscerlo a fondo. Nuotare in superficie può fornirti l'informazione che l'acqua è più o meno fredda, farti sbattere contro qualche rifiuto galleggiante, ma è necessario immergersi e andare a fondo per vedere pesci forse pregiati o studiare il corallo. Magari ti manca la voglia, non hai curiosità a studiare davvero l'argomento, e ignori quanto su Youtube può esserci di valido e promettente. Ma se è così, è un tuo problema. Un problema di disattenzione, di disinteresse. Una mancanza di interesse del tutto legittima, ma che non ti dà il diritto di liquidare come spazzatura un media sfaccettato che non ti sei premurato di conoscere nella sua complessità. I canali che ho nominato, assieme a tantissimi altri, io li definisco la “nicchia di Youtube”. Una nicchia che non è necessariamente fatta di numeri bassi. Ed è anche una nicchia molto larga per essere una nicchia. Certo, non si può negare che le cose più visibili, le cose che vanno in tendenza (come le gare di rutti) possano inviare gli zebedei in missione alla ricerca di petrolio. Del resto, Youtube è uno strumento diffuso prevalentemente tra i giovanissimi. Soggetti che hanno tutto il diritto ad avere e vivere la loro età, e di cercare i contenuti per loro più leggeri. Ma se hai qualche anno in più, e rifiuti a priori un canale di comunicazione, sfuggendolo e schifandolo, non fornisci esattamente un buon esempio. Per criticare il media dovresti prima starci dentro. Non dico prenderci parte, ma fruirlo, scoprirlo e cercare di conoscere quel Dio dai Molti Volti che è Youtube.

Qualcosa, comunque, sta pure cambiando. E non mi riferisco solo all'argomento, pure quello ormai chiacchierato fino alla nausea che risponde al nome in codice di Adpocalypse. E' tutto scontato. Youtube è un'azienda, fa quello che vuole e ci saranno sempre cambiamenti fuori controllo per utenti e creativi. Viti che si stringono o si allentano a seconda delle circostane. Tutto quello che funziona in base alle inserzioni pubblicitarie è così. Le dinamiche di mercato e del sentire comune è in costante cambiamento. Quello di cui ci si deve fare una ragione è che Youtube non potrà mai essere un'unica fonte di reddito e superare il miraggio che ha ubriacato tanta gente. Ma stanno cambiando anche altre cose. Il tempo passa, e le prime (in verità anche le seconde) web celebrity nate su Youtube, ormai non sono più ragazzini. Vanno per la trentina, qualcuno l'ha già superata. E questa non è assolutamente una cattiva notizia. Anzi, è un'opportunità. Potrebbe essere una nuova giovinezza per Youtube. Dipende tutto da noi e da quel che faremo. Io penso che stiamo iniziando ad andare verso uno Youtube più variegato, dove incontreremo e ci confronteremo con persone di tutte le età. In realtà è già così. Ma le persone più mature rientrano nella Grande Nicchia. Io non faccio testo (anzi, non c'entro un tubo) non solo perché non sono famoso come altri, ma perché sono uno dei pochi (almeno per quanto riguarda Youtube Italia) a occuparsi di argomenti (come i fumetti) che interessano principalmente un pubblico giovane. Principalmente, ma non esclusivamente. C'è tanta gente della mia generazione, che ha iniziato leggendo i fumetti Marvel della Corno, che ha conservato questi interessi. E sono convinto (sempre che Youtube continui a esistere in questa forma ancora per molto tempo... questo non lo sappiamo) che la piattaforma, col passare degli anni, si differenzierà. Avremo personaggi provenienti da più generazioni, anche nell'ambito nerd e dell'intrattenimento. Si spezzerà la pretesa insulsa (che ha accompagnato il sorgere di molte nuove tecnologie) di strumento che appartiene solo ai giovanissimi e la cosa potrà avere sviluppi interessanti. O almeno avrà l'opportunità di trasformarsi. Del resto, credo di essere la prova vivente che si può invecchiare restando fondamentalmente ragazzini. Anche se qualcuno può prenderlo come un insulto, per me non lo è. Per questo tendo a incoraggiare le persone con qualche anno in più a mettersi in discussione, a non vergognarsi e se hanno cose da dire, provare a ritagliarsi il proprio spazio.

Non dimentichiamo, inoltre, che il pubblico è influenzato anche da noi. Noi youtubers, noi creativi, o come ci vogliamo chiamare. E' il nostro linguaggio e gli argomenti che trattiamo che formano il pubblico. Lo formano nel senso che per prima cosa lo selezionano.

Circa un anno fa, mi è capitato brevemente di avere un hater sul canale che mi trollava dandomi del vecchio, e scrivendo sempre la stessa frase: “Lo youtuber a 60 anni? Che pena!”
A parte il fatto che mi invecchiava di un casino anni... scelsi di ignorarlo del tutto. Ma fu molto interessante vedere le reazioni dei miei followers. E non perché presero le mie difese. Ma per IL MODO in cui lo fecero. Non si misero a urlare insulti come accade su alcuni canali: «Cancro! Cancro! To matri sbatte l'ova chi minni! Buttana i to ma e cose del genere. No. Argomentavano. Ci perdevano tempo. Ragionavano... per fargli capire che era lui che si era infilato nella stanza sbagliata. E fui felicissimo di vedere questo. Quando riesci a instaurare una sintonia del genere con chi ti segue, è una vera soddisfazione. E Youtube è anche questo. Il feedback funziona in due direzioni. I tuoi followers si selezionano anche in base a come ti mostri tu. Diventano un tuo riflesso.

E allora... forse non è del tutto vero che non c'entro un tubo. O che qualcuno o qualcosa non c'entra un tubo. La vera questione è cosa si sta cercando, riuscire a trovare affinità e lo spazio che ci risulta più confortevole. Il mondo non è bello, ma è sicuramente vario, e questo non è uno dei suoi aspetti peggiori. In questi giorni mi sono imbattuto, in rete, in una frase di Edgar Wright, regista cinematografico, autore di film degni di nota come “Shawn of the Dead”, “Scott Pilgrim vs the World” e ultimamente “Baby Driver”. Una frase che parla della ricerca del proprio stile, che dice più o meno così:

«Io credo che lo stile sia un'amalgama di tutte le cose che ti piacciono e tutte quelle che ti riescono bene. E quel mix di entrambe, più il tuo bagaglio di esperienza personale, diventa il tuo stile».

Mi sono un po' riconosciuto in questa frase. In un certo senso, forse, è quello che cerco di fare su Youtube. Io mi sono trovato ad approdare sul grande tubo un po' per caso, quattro anni fa. Un po', potremmo dire per sopravvivenza. Io nasco (una delle tante nascite, perché ho già avuto diverse rigenerazioni) come operatore di fumetteria, come libraio. Lavoravo da Altroquando, che è stata la prima fumetteria ad aprire a Palermo nel lontano 1991. Io allora non c'ero. Fu fondata da Salvatore Rizzuto Adelfio (un personaggio di spessore che ancora oggi la città ricorda) e a un certo punto arrivai io, diventando compagno di Salvatore nella vita e nel lavoro. Altroquando era una fumetteria sui generis, perché con la personalità di Salvatore (che era vulcanico) si allargò a tanti altri interessi. Alle culture alternative, alla piccola editoria, all'attivismo politico, alla cultura LGBT, alla promozione delle arti spontanee. Io portai la mia esperienza di lettore di fumetti e le mie iniziative personali, e lavorai con lui per parecchi anni. Finché... aimè, Salvatore si ammalò, l'attività già era in crisi di suo e con la scomparsa del fondatore il negozio dovette chiudere e lasciare lo spazio (che era in affitto) a un'altra azienda che non aveva niente a che vedere con la nostra storia.

Nell'ultimo periodo, mentre mi trovavo solo in negozio, che la sera chiudevo per poi correre in ospedale da Salvatore, per distrarmi guardavo Youtube. Guardavo “Skypocalypse”, una delle prime webserie, con Victorlaszlo88, Matioski e altri youtubers. Fu così che conobbi Victor e company. Da questo punto di svolta iniziai a seguire loro, per poi allargare i miei orizzonti, scoprendo Frusciante e tanti altri. E nel frattempo, mentre guardavo questi video, pensavo: non voglio che Altroquando svanisca con la libreria. Potrà chiudere il negozio, ma noi ci occupiamo anche di iniziative culturali. Potrei fondare un'associazione che continua a seguire questi temi in modo “no profit”. E magari... chissà! Il modo più veloce per tenere una finestra aperta e continuare a comunicare idee, potrebbe essere proprio Youtube. In un certo senso, se io oggi sono qui e su Youtube è anche colpa di Victor e soci. Diciamo che mi tennero compagnia in un periodo molto brutto, e nello stesso tempo mi ispirarono per la vita successiva.

Poco fa parlavo della ricerca del proprio stile. Quello che Edgar Wright definisce un'amalgama delle proprie passioni. Io sono stato un libraio e prima ancora ero un lettore appassionato di fumetti. Ma non sono stato solo questo. Ho avuto una vita abbastanza strana e movimentata. Prima, per un bel po' di anni ho fatto il giornalista. Ho lavorato in un'emittente televisiva oggi non più esistente. Ho scritto su riviste. Qualcosa che sapevo fare discretamente, ma che non percepivo come la mia vera strada. Così finii a fare il libraio. Ma prima ancora, soprattutto da ragazzo, avevo fatto teatro. Amatoriale per lo più. In ogni caso l'interesse per il teatro in me è rimasto sempre vivo, anche se non l'ho mai studiato in termini professionali. Infatti parlo col naso, ho una parlata che più palermitana non si può e così via. Ad ogni modo, senza programmarlo, mi sono andato rendendo conto che nei video che producevo per tenere viva la fiamma di Altroquando a Palermo, stavo usando tanti pezzettini di me. C'erano i fumetti, c'era l'approccio giornalistico, e anche i miei studi di sociologia. Inoltre, c'era il teatro. C'era la volontà di non limitarmi a parlare di fumetti, ma di “far parlare i fumetti”. Realizzando queste specie di piccoli trailer di ogni fumetto che tratto, recitando (con le mie povere forze) delle scene cardine delle opere che presento. Oggi, io stesso faccio fatica a definire i miei video, che sicuramente non sono del tipo che finisce in tendenza. In primo luogo perché sono lunghi. Io me ne strafotto delle tempistiche per fare views. Io faccio quello che mi piace e mi prendo il tempo che mi serve per dire quello che ho da dire. Qualcuno suggerisce che i miei video assomigliano più a un format televisivo che da Youtube. Io non so se è vero, ma lo trovo un complimento. Perché davvero mi rifaccio a certe trasmissioni culturali che oggi in televisione non vedo più, come quelle curate da Alessandro Baricco e da Corrado Augias. Parlo di fumetti, ma cerco anche di guardare oltre il fumetto e leggere tra le righe (o tra i balloon) per discutere di altre tematiche. Cerco di spaziare trattando di fumetti un po' particolari. E ultimamente sto mettendo in atto una sorta di karakiri mediatico, nel senso che mi dedico sempre più spesso a fumetti underground, non troppo noti o addirittura, in qualche caso, pure difficili da reperire. L'ultimo video che ho pubblicato in ordine di tempo parla di “Three Fingers” di Rich Koslowski (in Italia diventa “Quattro dita”). Pubblicato da noi da Prospettiva Globale un po' di anni fa, e ancora in attesa di ristampa. Un fumetto stranissimo, perché ha la struttura di un documentario (anzi, di un mockumentary) ed è una critica molto dura all'industria del cinema e dell'intrattenimento in generale, che usa la figura (trasfigurata) di Walt Disney per una metafora anticapitalista. Un fumetto che da noi hanno letto in pochi, e da quello che ho visto in rete... anche in America sembra essere diventato un pezzo raro. Forse ha poco senso parlare di opere che non sono facili da vendere e da acquistare, ma a me dà molta più soddisfazione parlare di qualcosa di sommerso e bizzarro che delle ultime uscite. Argomento che comunque non abbandonerò, non smetterò di parlare anche di fumetto popolare. Ma mi sono reso conto che mi diverte di più occuparmi di curiosità, di opere di cui si parla poco.

Questo, possibilmente, non mi aiuterà a diventare una celebrità. Ma va bene così. Esistono anche soddisfazioni di altro genere. Altroquando, come fumetteria, avrà pure chiuso i battenti (e per favore, non confondete la nostra storia con l'attività che per qualche tempo ha occupato lo stesso spazio fisico per acquisirne la clientela), ma continua a esistere come associazione culturale, che si esprime attraverso Youtube e piccoli eventi. Abbiamo dato vita a una biblioteca (dove teniamo sia letteratura che fumetti) che porta il nome di Salvatore Rizzuto Adelfio, il fondatore di Altroquando. Biblioteca che abbiamo inaugurato l'anno scorso con il supporto di Zerocalcare, che ha gentilmente donato un disegno da cui si è ricavata una targa che accoglie quanti visitano la biblioteca. Si trova in via Martin Luther King 6, praticamente dietro la fiera, nello spazio autogestito presso il Teatro Mediterraneo Occupato. Per il momento è in fase di riorganizzazione, ma sarà accessibile all'inizio di Ottobre e presto renderemo pubblico il calendario delle aperture sui vari social. Speriamo di riuscire a renderlo anche un punto di aggregazione e sede di eventi culturali. Quindi se vorrete venirmi a trovare, parlare con me, magari leggere qualcosa (l'ingresso alla biblioteca e l'accesso a libri e fumetti è totalmente gratuito), saprete dove trovarmi. E' un modo per andare avanti. Per mettere insieme, come dice Edgar Wright, le cose che ci piacciono, le cose che vogliamo fare. E aggiungerei... anche per condividerle. Che male non fa.

Ci sarà sempre un Altroquando. Grazie.



Supporta con una piccola donazione la biblioteca Salvatore Rizzuto Adelfio:

La Nicchia di Youtube Italia: 




giovedì 21 settembre 2017

Palermo Comic Convention 2017: ai nastri di partenza


Ok, siamo arrivati. Domani inizia il Palermo Comic Covention. Venerdì potrete incontrarmi in giro per la fiera. Sabato alle 15,30 nel padiglione 20 area Youtube, faremo due chiacchiere sulla mia visione del Grande Tubo, di come è fatto di sopra, di sotto e di come, a mio parere sta cambiando. Ma anche di come un soggetto bizzarro come me sia finito lì a parlare di fumetti (Quando non c'entro un tubo... appunto, come s'intitola la conferenza). Domenica, invece, sempre padiglione 20, sempre area Youtube, alle 16, 30 parleremo di serie TV, cinema e animazioni in compagnia di un personaggino con cui di norma ci vediamo soltato in hangout e tanta altra bella gente.
Lo so. Quello che "non c'entra un tubo" sono io. Per tanti motivi. Ma il contrasto a volte è chic. Ci vediamo in fiera, terrestri.

lunedì 18 settembre 2017

In scaffale... alla biblioteca Salvatore Rizzuto Adelfio

Presto la biblioteca Salvatore Rizzuto Adelfio, riorganizzata e riarredata, aprirà i battenti.
Nel frattempo, diamo un primo sguardo ad alcuni dei volumi che potrete trovare in scaffale e leggere gratuitamente.


"Kobane Calling" di Zerocalcare. Il repotage a fumetti che narra del viaggio di Zerocalcare nelle vicinanze della città assediata di Kobane, tra Siria e Turchia, raccogliendo le testimonianze di vita dei difensori curdi che si oppongono allo Stato Islamico. Attualità e dramma filtrati dall'umorismo graffiante dell'autore italiano. Un atto di poesia e di testimonianza storica che restituisce umanità alla percezione della politica internazionale. 


"L'INCAL" di Jodorowsky e Moebius. Oltre la fantascienza. Oltre il fumetto. La metafisica sardonica di Alejandro Jodorowsky e il talento visionario di Moebius. Lo psicomago cileno e l'artista francese danno vita a un cult che trascende i generi. In un futuro ipertecnologico, dove tutto si compra e dove l'etica è ormai un sogno lontano, lo scalcinato detective John Difool si trova invischiato in un intrigo più grande di lui. Più grande dello stesso pianeta. Più grande di tutto. Un oggetto misterioso (ma si tratta di un oggetto?) dai poteri miracolosi. E' l'inizio di un viaggio allucinatorio e meraviglioso, psichedelico ed epico. Che soltanto il sodalizio artistico di Jodo e Moebius poteva produrre.


"MAUS" di Art Spiegelman. Il racconto di un sopravvissuto, il padre di Art Spiegelman, che ha attraversato l'inferno della Shoah passando per il campo di concentramento di Majdanek e poi di Auschwitz. Un'opera fondamentale, a suo tempo premiata con il Pulitzer, che porta la narrazione storica e la testimonianza personale nel media fumetto con una potenza mai raggiunta prima. La trasfigurazione in animali antropomorfi (topi gli ebrei, gatti i nazisti, suini i polacchi) conferisce alla cronaca di questa oscura pagina di storia una dimensione allegorica e universale che trascende il tempo e lo spazio. Da questo romanzo a fumetti è iniziato lo sdoganamento del media, portando l'opera di Spiegelman a essere forse l'esempio di nona arte più famoso presso il pubblico mainstream.



"STURIELLET" di Andre Pazienza. Un'antologia che raccoglie le storie brevi realizzare da Pazienza per le riviste "Zut" e "Tango". Storielline brevi, agrodolci, al gusto di vetriolo, che alternano episodi grotteschi di vita vissuta al resoconto, filtrato dall'ironia, di fatti di cronaca degli anni 80. Incontri epici con figure celebri, diario di trip assurdi e irriverenti sberleffi alla società del tempo. Uno dei tanti modi possibili per accostarsi (o riscoprire) una parte del lavoro di un artista che ha lasciato (troppo presto) un'impronta enorme sul panorama del fumetto d'autore italiano.


"Il pasto nudo" di William S. Burroughs. Uno dei romanzi più sperimentali e sfaccettati di Burroughs. Pubblicato prima in Francia alla fine degli anni 50 e successivamente in America in una versione precedente custodita da Allen Ginzberg. Facciamo la conoscenza degli stati immaginari di Anexia e Terra Libera e l'uso della telepatia per il controllo delle menti, mentre scorrono le vicende surreali e le riflessioni dell'autore protagonista. Una narrazione non lineare e allucinata per parlare di manipolazione culturale e mediatica. 

TEATRO MADRE – di Nino Gennaro.
L'opera di un artista corleonese, Nino Gennaro (conosciuto anche come Fufo dai suoi amici), che ha lasciato una forte impronta nella realtà culturale palermitana, sua città d'azione, e non solo. Scrittore, poeta, drammaturgo, artista provocatore e voce delle istanze LGBT nella Sicilia degli anni 70 e 80, mentre l'Italia viveva fermenti culturali che sarebbero diventati storia. Nino Gennaro scomparve prematuramente a causa dell'HIV a soli quarntasette anni, lasciando un patrimonio letterario e teatrale rimasto a lungo inedito. Per usare le sue parole «forse dopo che sarai morto ti pubblicheranno... In Italia funziona così.»
Chi ricorda i suoi primissimi happening a piazza Pretoria, a Palermo, rammenta anche l'idea innovativa del “Teatro Madre”, e la presenza fuori dagli schemi di Nino Gennaro, che aveva trasformato la sua omosessualità, e il suo carattere esuberante in un veicolo eversivo per l'arte e l'attivismo sociale. “Teatro Madre”, pubblicato da Editoria & Spettacolo nella collana Percorsi, raccoglie un'interessante porzione della produzione teatrale di Gennaro, e rappresenta la testimonianza di una personalità artistica di spicco che visse nella nostra Sicilia in un tempo in cui la creatività spontanea non disponeva degli strumenti attuali per mettersi in vetrina, inventandosi e presentandosi al suo pubblico senza mediazioni né filtri censori. Realizzando di fatto la sintesi di artista e personaggio in un individuo unico e irripetibile. 

Il Maestro e Margherita di Michail Bulgakov. Un capolavoro senza tempo della narrativa russa, leggibile a più livelli. Un'esplosione di divertimento, riflessione storica, satira. Satana giunge nella Mosca del XX secolo e lì si confronta con le corruzioni e ipocrisie della società russa del tempo, e con le sue resistenze culturali che afflissero in vita lo stesso autore. Parallelamente, una rinarrazione "revisionista" della passione di Cristo, e una storia di stregoneria che toglie il fiato per potenza visionaria. Un classico che tutti dovrebbero leggere, in grado di parlare a molte tipologie diverse di lettori.


"Sorgo rosso". La saga di un clan familiare distillatore di vino di sorgo che rivela la potenza narrativa del premio nobel per la letteratura cinese Mo Yan. La Cina feudale, le sue tradizioni e i suoi intrighi. I suoi amori, i sotterfugi, i briganti, le sfide e la via dei cani inselvatichiti, mentre avanza la guerra sino giapponese e le sue atrocità. Visionario, feroce, meraviglioso, sconvolgente e incantevole. Un capolavoro di un grande narratore contemporaneo.

Per sostenere la biblioteca autogestita potete donare libri e fumetti (contattateci alla mail altroquandopalermo@gmail.com) o con una piccola donazione monetaria sul nostro conto Paypal: http://paypal.me/altroquandopalermo
Ma potete anche scegliere di acquistare un titolo ancora assente dallo scaffale e farlo pervenire alla nostra associazione. Grazie a tutti per l'affetto e la solidarietà che dimostrate. Ci sarà sempre un Altroquando.

sabato 16 settembre 2017

Addio a Harry Dean Stanton

E ci lascia anche Harry Dean Stanton. Un attore che non è mai stato una star, ma comunque protagonista di grandi performance. Potremmo ricordarlo per uno dei suoi rari ruoli centrali in "Paris Texas", uno degli astronauti vittime dello xenomorfo in una celebre scena di "Alien", e il sodalizio con David Lynch. "Fuoco cammina con me", il cameo in "Una storia vera" e la partecipazione a "Twin Peaks - il Ritorno". Serie evento che ha raccolto le ultime apparizioni di più attori prossimi alla scomparsa, alcuni dei quali già malati durante la lavorazione. Un volto, una maschera, che ci mancherà.



venerdì 15 settembre 2017

Sul Coming Out di Willwoosh


In queste ore il Coming Out di Willwoosh, il popolare Guglielmo Scilla, giovane astro del web che ha contribuito a dare forma allo strumento Youtube come mezzo di intrattenimento, è – com'era prevedibile – oggetto di discussione.

In alcuni casi, i commenti dovrebbero essere superflui. Dovrebbero, insomma, essere dati per scontati. Ma viviamo nell'era dei social, dove a ogni singolo starnuto fa eco non un convenzionale “Salute”, ma qualcosa di spesso farraginoso e imponderabile. In altre parole, non necessario.

Ed è questo il punto di cui parlerò. Di cosa è necessario e di cosa non lo è.

Il commento in primo piano è: «Lo sapevano tutti. Non era necessario.»

Un commento che si palesa non soltanto tra il pubblico “generalista”, ma anche nell'ambito del mondo LGBT, non nuovo a divisioni interne e ad atteggiamenti variegati.

Il mio commento personale, invece, è: «Anche se fosse?»

Personalmente, sarò ingenuo, ma non lo sapevo. Non ci pensavo. Non mi interessava saperlo. Anzi, in verità da qualche parte del mio cervello immaginavo il contrario, ma senza dare all'argomento una particolare rilevanza. Quello che invece mi chiedo è: perché avrebbe dovuto essere scontato?
Forse per la caratteristica di Willwoosh, comune a tanti altri comici più anziani di lui, di essersi fatto conoscere presentando spesso ruoli “in drag”? O perché qualcuno ritiene che emanasse gaytà nel gestire (io non l'ho mai notata)? Ma la domanda rimane quella: che cosa dovrebbe cambiare?

Dire “tutti sapevano... è la scoperta dell'acqua calda”, che fosse vero o no, significa decentrare completamente il bersaglio e banalizzare il tutto. Svuotare il coming out del suo significato politico e sottovalutare l'effetto mediatico del gesto quando a farlo è un personaggio noto e popolare.

Per questo, io voglio ringraziare Guglielmo Scilla. Ha compiuto un gesto costruttivo. Sì, a prescindere che qualcuno lo sapesse già o no. E' di questa seconda istanza che non m'importa. Sì, francamente, miei cari, me ne infischio della vostra onniveggenza gaya.

Qualche anno fa, alla morte di Lucio Dalla, partì la consueta mascoliata social a base di celebrazioni e detrazioni. Di Dalla, infatti, si sapeva DAVVERO da tempo immemore della sua omosessualità, e qualcuno gli rimproverò aspramente di non aver mai fatto coming out. Da un estremo all'altro, in sostanza. Io stesso ci pensai su. Ricordai il mio vivere nel centro storico di Palermo con la mia immagine di gay dichiarato, ricevendo segni di rispetto o insulti a seconda dei casi, ma senza la protezione della fama e forse anche del benessere economico di cui disponeva il noto cantautore. Il coming out di un personaggio popolare contribuisce a lasciare una traccia nell'immaginario, a spezzare i pregiudizi attraverso la visione di una persona pubblica nella sua complessità di artista e di individuo. Insomma, è un gesto con una forte valenza sociale e non è mai il caso di minimizzarlo. Lucio Dalla scelse di non farlo, e una volta defunto fu oggetto di inutili recriminazioni postume. Inutili in quanto nessuno, nemmeno un vip, un personaggio di spettacolo, è obbligato a fare qualcosa che non vuole fare, e questo a prescindere che le sue ragioni siano condivisibili. E' invece apprezzabile quando lo fa. E ridurre tutto al banale “lo sapevamo già” è solo indice di miopia sociale. Quello “sticazzi” (pure legittimo) gratta solo la superficie di un discorso complesso che ha profonde radici storiche. Un discorso che culmina nei moti di Stonewall e che continua a crescere, tra conquiste e passi indietro, in un mondo che sotto questo aspetto non ha ancora raggiunto l'età matura. Fingere che il coming out non sia importante è a mio avviso sbagliato e controproducente. Una retromarcia verso quella mentalità ipocritamente normalizzante che tende in realtà a spazzare la polvere sotto il tappeto per non essere costretti a guardarla e ammettere che esiste un problema.
Certo, ormai siamo tutti uguali, abbiamo tutti gli stessi diritti, nessuno subisce discriminazioni, certe parole non sono più usate con l'intento di offendere, nessuno... nessuno ci fa più caso.
Beh, chi afferma questo o è in malafede o ha qualche problema.

Mi torna in mente quel fumetto di Zerocalcare sulla “Città del decoro” in cui, parlando d'altro, il fumettista romano dipinse un quadretto tipico del senso comune italiota.

«Io ho tanti amici così... che per primi schifano a questi. Loro sono bravi. Se ne stanno nascosti, come le Tartarughe Ninja nelle fogne. Non come questi che si fanno vedere!»

Quando l'ironia dice tutto. Non cadiamo nella trappola che la lotta per i diritti sia finita, che il coming out (di tutti, famosi e no) non sia necessario. Non banalizziamo episodi mediatici come questo, o avremo fatto l'ennesimo passo indietro. Uno dei tanti che l'Italia ha fatto e sta continuando a fare negli ultimi anni.


E per questo: Grazie, Guglielmo. Per la tua spontaneità, per la tua leggerezza, per il tuo essere da oggi una persona ancora più vera.

mercoledì 13 settembre 2017

Biblioteca Salvatore Rizzuto Adelfio... ormai manca poco.


Nel vivo, i lavori di riorganizzazione e arredo della Biblioteca Salvatore Rizzuto Adelfio a Palermo. Ormai manca poco. Ci sarà sempre un Altroquando.