giovedì 11 luglio 2013

Signori... AltroQuando: chiusura dei lavori



Inizio questo post che non avrei mai voluto scrivere citando l'amatissima Maria Grazia Perini, quando negli ormai lontani anni settanta, comunicò sulle pagine di Kriminal e Satanik la chiusura delle due storiche testate dell'editoriale Corno.

Sono appena stato nominato sul campo Generale per l'armistizio...

E' ufficiale: ALTROQUANDO CESSERA' PRESTO LE ATTIVITA'.
Avvertiamo quindi tutti i nostri abbonati che, per causa di forza maggiore (la crisi che tutto stritola), i loro abbonamenti non potranno più essere soddisfatti a partire da questo mese. Ce ne scusiamo, ma non dipende dalla nostra volontà. Nello stesso tempo, chiediamo a tutti i clienti che hanno una giacenza di fumetti da parte a loro nome, di farsi vivi e venire a ritirarli, giacché non resteranno disponibili ancora per molto tempo. Un'attività ventennale, fatta di fumetti, controcultura, mostre, lotte per i diritti LGBT e altre iniziative, giunge così alla fine del suo viaggio, strozzata dalla crisi globale e dalle regole perverse di un mercato spietato.
Grazie a tutti quelli che ci hanno sostenuto. E' stato molto bello.

21 commenti:

  1. mi dispiace davvero tanto... Altroquando è stata la mia prima fumetteria (parlo dei primi anni del 2000). Conserverò dei bei ricordi :)

    RispondiElimina
  2. davvero, davvero dispiaciuto...
    una triste fine per uno dei capitoli più belli della cultura palermitana...

    RispondiElimina
  3. Non ci sono mai stato, ma da collega ti sono vicino.
    Non ci sono altre parole da dire...

    RispondiElimina
  4. è una tragedia! Mi spiace saperlo, sono cresciuto con voi, anche da prima che vi trovaste in questa sede :(

    RispondiElimina
  5. :( tanta solidarietà e affetto da Roma

    RispondiElimina
  6. Costernatissimo... un altro pezzo storico di Palermo (di quella Palermo che vale) se ne va

    RispondiElimina
  7. Sono venuta poche volte, sempre per comprare fumetti che sapevo solo in questo luogo avrei trovato, come di fatto è stato. E mi mancherà venire anche solo a spulciare cosa c'è intorno, oppure venire a sentire le vive discussioni che capitavano nascere, non essendo solo un luogo di vendita ma di vero scambio di cultura. Mi dispiace davvero tanto.

    RispondiElimina
  8. Sono a un'intera nazione di distanza ma ugualmente non riesco a trovare le pareole.

    Un abbraccio forte Filippo e un augurio di trovare un'altra via.

    RispondiElimina
  9. Non ho parole. Palermo vuole sradicare ogni possibilità di rivalsa della cultura non impiattata da quella roba che vogliamo ancora chiamare istituzioni. L'unica cosa che supera la tristezza è lo schifo.

    RispondiElimina
  10. Mi dispiace davvero molto. Non so che dire, è un periodo difficilissimo :/

    RispondiElimina
  11. Mi dispiace. Non so cos'altro dire e qualsiasi cosa dicessi sarebbe inutile.
    Ma mi dispiace per davvero.

    RispondiElimina
  12. E' una sconfitta per tutti.....,

    RispondiElimina
  13. da voi venivo sin da ragazzino partendo da castelvetrano in treno per comprare tutto ciò che altrimenti non avrei mai trovato.
    Ho tantissimi bei ricordi collegati alla vostra fumetteria e mi mancherete tantissimo.

    RispondiElimina
  14. La mia prima fumetteria e il mio primo contatto con un modo di vedere il mondo più tollerante...

    RispondiElimina
  15. Che cosa triste quando una casa dei sogni chiude. Un abbraccio. igort

    RispondiElimina
  16. Entrare da Altroquando mi faceva sentire un po' più libero, un po' più leggero. Mi mancherete

    RispondiElimina
  17. Abitando in centro ho sempre visto Altroquando come un buon vicino di casa; quello che quando lo incroci, ci si saluta; quello che sai che abita lì, e quando passi butti uno sguardo; quello che è una cara, affidabile certezza. Quoto Gea definendo Altroquando non solo un luogo di vendita, ma di vero scambio di cultura. Provo un grande dispiacere :(

    RispondiElimina
  18. Palermo si candida capitale della cultura per il 2019 ed istituisce il Registro ufficiale per le coppie non sposate, nel frattempo perde per strada la sua essenza.

    RispondiElimina